QUADERNI EUROPEI SUL NUOVO WELFARE

Archivio autore

Evidenza da base dati Health for All

La base dati Ocse è utile perché ha una copertura più ampia in termini di Paesi. Solo su dati Ocse, per esempio, è possibile includere gli Stati Uniti.
Leggi tutto

Introduzione

Le serie storiche accumulate dal Dopoguerra ad oggi, ormai lunghe più di quarant’anni, permettono oggi di rispondere alla domanda: I sistemi dei Partner europei, e i due modelli europeo e statunitense, sono rimasti distanti, impenetrabili e “fedeli alla loro ricetta”, o c’è stata qualche simbiosi con convergenze dell’uno sull’altro? Leggi tutto

Dicembre 2014 – Infografica dedicata a attivazioni e cessazioni di rapporti lavorativi, distinti per tipologia contrattuale. Dal I trimestre 2011 al II trimestre 2014.

Pur sotto un saldo complessivo positivo per circa 690mila contratti, sono chiare le difficoltà con cui il Job Act dovrà misurarsi. In particolare:

Diminuiscono sensibilmente i contratti a tempo indeterminato (più cessazioni che attivazioni); Leggi tutto

La Compartecipazione alla Spesa – Commenti a margine del Patto della Salute 2014-2016

Dal confronto tra la Legge n. 11-2011 (articolo 17 che annunciava l’introduzione del copay dal 2014) e il Patto della Salute emergono tre considerazioni:

Il Patto dovrebbe muoversi nel solco tracciato della Legge e puntare a costruire uno schema di compartecipazione omogeneo su tutto il territorio nazionale, a garanzia che la selettività risponda dappertutto, in ogni area del Paese, agli stessi principi equitativi. Non ci si può permettere, soprattutto in questo momento, frammentazioni, incoerenze o addirittura dissidi e contenziosi tra Stato e Regioni. In questo senso va recuperata appieno l’indicazione della Legge di una applicazione sistematica del copay su scala nazionale. Leggi tutto

Reforming Note “Come intervenire sulle pensioni (troppo) alte?”

Nel 1996 e nel 1997 la Suprema Corte ebbe modo di attestare un principio fondamentale, parte della costante giurisprudenza costituzionale (verbatim): non possono esser chiesti indietro assegni pensionistici già corrisposti ma, sotto questo limite, esigenze di governo della spesa pubblica e di salvaguardia degli equilibri di bilancio giustificano interventi di riduzione dei trattamenti pensionistici già definiti ma ancora da erogare. Leggi tutto

Nota su “La Previdenza Complementare nella Legge di Stabilità”

La Previdenza Complementare non passa indenne l’appuntamento con la Legge di Stabilità per il 2015.

Se ne era già discusso in “Il Tfr in busta paga?”. Leggi tutto

Finanziare il welfare – 8. Il Fondo Welfare

Il capitolo 7 ci lascia in dote un messaggio di fondo: il «giusto dosaggio» di ripartizione e accumulazione realesarà l’elemento chiave attorno al quale ruoteranno le riforme del finanziamento della sanità, così come quelle delle pensioni. Leggi tutto

Finanziare il welfare – 7. Il Pay-as-You-Go pubblico e privato: davvero diversi?

Ma sarà solo il pay-as-you-go dei sistemi pubblici ad essere posto sotto pressione? Porsi questa domanda ha una duplice importanza: non solo per ricercare le soluzioni migliori e durature, ma anche per deideologizzare e depoliticizzare il dibattito, liberandolo dagli schematismi, spesso pretestuosi, di “lotta” tra pubblico e privato, tra obiettivo di coesione sociale e efficientismi conservatori. Leggi tutto

Finanziare il welfare – 6. Il Pay-as-You-Go attraverso i Programmi di Stabilità

Nei capitoli precedenti, le sfide poste dall’invecchiamento della popolazione sono state evidenziate utilizzando dati demografici, integrati, per facilitare le comparazioni tra Paesi e tra Regioni, dai tassi di attività e occupazione e dalla produttività relativa del lavoro. Questo capitolo adotta una prospettiva diversa e complementare. La sostenibilità del pay-as-you-go viene investigata a partire dei Programmi di Stabilità o di Convergenza (anche “PdS”) presentati dai Partner Ue. L’analisi, sinora incentrata sulla demografia, viene calata direttamente nel quadro economico-finanziario. Utilizzare i PdS permette anche di avere una visione complessiva sui capitoli di spesa de welfare system che si reggono sul finanziamento pay-as-you-go.
Leggi tutto

Finanziare il welfare – 5. Il Pay-as-You-Go sanitario nelle Regioni italiane

Una premessa è d’obbligo. Il pay-as-you-go è uno strumento fondamentale per il funzionamento dei moderni sistemi di welfare. Ha delle proprietà positive che sono essenziali per creare solidarietà tra cittadini, territori, generazioni, per dare basi alla universalità degli istituti di welfare, per gestire in maniera efficace i rischi che individui e famiglie possono incontrare nel corso della vita. Proprietà difficilmente riproducibili o non riproducibili con altri strumenti.

Leggi tutto

« Pagina precedentePagina successiva »