QUADERNI EUROPEI SUL NUOVO WELFARE

Soluzioni “made in Italy” alla non autosufficienza: dall’utopia della de-istituzionalizzazione alla domiciliarità della cura

2. Disuguaglianze in salute degli anziani tra Nord e Sud

2.1 L’invecchiamento della popolazione italiana
È noto che il nostro paese è interessato da un progressivo e crescente invecchiamento della popolazione. L’incremento della popolazione anziana è stato nel decennio 1989-1999 sostenuto, ha registrato poi un leggero decremento nel secondo decennio tra il 1999- 2009. Gli ultrasessantacinquenni ammontavano nel 2009 a 12.085.000 (Graf. 1).

Graf.1: Persone di 65 anni e più per anno e ripartizione geografica

Fonte: ISTAT – DEMO ISTAT Popolazione Residente al 1° gennaio 1989, DEMO ISTAT Popolazione Residente al 1° gennaio 1999, DEMO ISTAT Popolazione Residente al 1° gennaio 2009 – elaborazione dati Luca Pianelli


L’indice di invecchiamento (Fig.1,2) 16 mostra quanto il nostro paese sia invecchiato. Nell’ultimo ventennio la percentuale di ultrasessantacinquenni è cresciuta di quasi 6 punti. Le figure restituiscono l’immagine di un paese nel quale ormai circa un quinto della popolazione è anziana. I dati presi attestano la velocità e l’intensità del fenomeno, ma ribadiscono anche la sua disomogeneità territoriale. Se consideriamo infatti la distribuzione percentuale degli anziani nelle varie aree del paese (Fig. 1 e 2) è evidente che il Centro-Nord era, ed è, l’area più vecchia, con valori molto alti in alcune regioni. Si veda la Liguria, il Friuli Venezia Giulia, la Toscana, l’Umbria. Particolarmente significativo è stato l’incremento degli ultraottantenni che nel 2009 ammontavano al 27,9% della popolazione anziana. Gli ultraottantenni sono cresciuti mediamente di 6,8 punti percentuali nel ventennio considerato (Fig 3 e 4). La tabella 6 riporta poi i valori dell’indice di vecchiaia per regione e anno. Come è noto tale indice descrive il peso della popolazione anziana sulla popolazione più giovane (0-14). Si evince dalla tabella che in quasi tutte le regioni italiane nel 2009 ha valori superiori a 100 (ad eccezione che in Campania), segno che il sorpasso degli anziani sui giovanissimi si è dunque compiuto. La tabella registra anche una “timida” inversione di tendenza nel Nord del paese. In quattro regioni settentrionali l’indice di vecchiaia inizia a decrescere. In Liguria decresce di 0,9 punti percentuali, in Friuli-Venezia Giulia di 1,2, in Toscana di 3, in Emilia-Romagna di 24,7. Come mostra la fig.5 l’indice decresce in tutte le province dell’Emilia Romagna ad eccezione della provincia di Rimini (dove resta invariato), in più della metà delle province toscane, in tre di quelle liguri (ad eccezione della provincia di Imperia), in tre province del Friuli-Venezia Giulia (tranne che in quella di Udine). È l’apporto dei flussi migratori. Nelle province settentrionali infatti dove si registra una consistente incidenza di famiglie di immigrati stabili, con il conseguente aumento di minori stranieri (Istat 2006f), il trend crescente dell’invecchiamento inizia a rallentare.


Tabella – 6 – Indice di Vecchiaia per regione e anno


Fonte: ISTAT – DEMO ISTAT Popolazione Residente al 1° gennaio 1989, DEMO ISTAT Popolazione Residente al 1° gennaio 1999, DEMO ISTAT Popolazione Residente al 1° gennaio 2009 – elaborazione dati Luca Pianelli


Fig.1 Italia – indice di invecchiamento 1989

Fonte: ISTAT, DEMO ISTAT Popolazione residente al 1°Gennaio 1989 elaborazione GIS Luca Pianelli


Fig.2 Italia – indice di invecchiamento 2009

Fonte: ISTAT, DEMO ISTAT Popolazione residente al 1°Gennaio 2009 elaborazione GIS Luca Pianelli

Fig.3: Percentuale di popolazione di 80 anni e più sul totale della popolazione anziana per regione – anno 1989


Fonte: ISTAT, DEMO ISTAT Popolazione residente al 1°Gennaio 1989 – elaborazione GIS Luca Pianelli

Fig.4: Percentuale di popolazione di 80 anni e più sul totale della popolazione anziana per regione – anno 2009

Fonte: ISTAT, DEMO ISTAT Popolazione residente al 1°Gennaio 2009 – elaborazione GIS Luca Pianelli


Fig.5: Italia – variazione % indice di Vecchiaia 1999 – 2009

Fonte: ISTAT, DEMO ISTAT Popolazione residente al 1°Gennaio 1999, ISTAT Popolazione residente al 1°Gennaio 2009 – elaborazione GIS Luca Pianelli


16 Si è scelto di rappresentare il grado di invecchiamento nelle regioni italiane con diverse tonalità di rosso. Le regioni dove il rosso è più deciso sono quelle dove l’invecchiamento è maggiore.


Pagine: 1 2 3 4


Tag:, , , ,