QUADERNI EUROPEI SUL NUOVO WELFARE

Le pensioni e il lavoro a tempo parziale in Svezia

La tabella 6 riporta l’andamento nel tempo del numero di persone che percepiscono l’indennità prevista dallo speciale regime di pensionamento a tempo parziale. Emergono ampie variazioni, soprattutto per quanto riguarda i nuovi pensionati. Il forte aumento del 1980 si spiega con la decisione di abbassare il tasso di sostituzione per le pensioni concesse a partire dal 1981, una decisione già presa nel 1980. Molti di quelli che avrebbero fatto domanda più tardi si sono affrettati a richiedere la pensione già nel 1980 per poterne usufruire sulla base del tasso di sostituzione precedente, che risultava più alto.
Il picco del 1987 è dovuto al ritorno del tasso di sostituzione al livello originario del 65%. Il grande incremento dei nuovi pensionati nel 1992 è stato determinato dalla proposta, da parte del governo, di abolire il regime pensionistico a tempo parziale (non sarebbero più state concesse nuove indennità a chi avesse presentato domanda dopo una certa data). Molte sono state le richieste pervenute, ma il parlamento ha respinto la proposta governativa. Dopo le drastiche modifiche a livello normativo del 1994, si è avuto un crollo delle nuove pensioni part-time e il numero dei beneficiari si è gradualmente ridotto fino a raggiungere livelli minimi. Il regime pensionistico part-time si poteva considerare più o meno scomparso ancor prima che venisse abolito.
La pensione a tempo parziale non prevede un numero preciso di ore di lavoro: il minimo è stato fissato a 17 ore, il massimo a 35. La tabella 7 riporta l’orario di lavoro dei pensionati part-time al 31 dicembre 1993. I dati riguardano il periodo prima che si stabilisse che i nuovi pensionati avrebbero potuto operare una riduzione massima di 10 ore lavorative.
Tabella 7: Individui raggruppati in base all’orario di lavoro (settimanale) applicato dopo aver ottenuto una pensione part-time, 31 dicembre 1993

wande-tabella7.gif
Fonte: Calcoli realizzati dall’Ente previdenziale nazionale.14

14 Questi calcoli sono stati realizzati in occasione dello studio pubblicato in Wadensjö (1996).
Tabella 8: Popolazione di età compresa tra i 60 (61) e i 64 anni che percepisce una qualche forma di pensione parziale: dati relativi agli anni 1980, 1986, 1993 e 2003

wande-tabella8.gif
Fonti: Riksförsäkringsverket 1981 e 1985/86; Riksförsäkringsverket, Statistisk information 1994:2 e 1994:14; dati dell’Ente previdenziale nazionale. * Valori stimati.


Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15


Tag:,