QUADERNI EUROPEI SUL NUOVO WELFARE

Assistenza a lungo termine: un argomento centrale alla conferenza della Casa Bianca sull’invecchiamento nel 2005

2. La nuova realtà dell’invecchiamento e della morte

Durante il secolo scorso, l’aumento della longevità ha modificato la realtà dell’invecchiamento e della morte, rendendo l’assistenza a lungo termine una questione politica più urgente di quanto di norma non si pensi. Come è stato fatto notare da Lynn e Adamson (2003), nel Noveento erano poche le persone affette da disabilità permanente dovuta a una malattia cronica con esito fatale, e questo perché, in un periodo in cui la speranza di vita media arrivava appena a 47 anni, era probabile che la morte giungesse all’improvviso.
Nel 2000 la speranza di vita media arrivava a 75 anni circa; il numero di persone che giungevano alla vecchiaia è aumentato grazie al miglioramento della sanità pubblica e delle cure mediche. Ma a prescindere da quanta attenzione prestiamo alla difesa della nostra salute, tutti diventeremo malati, fragili o invalidi a causa di uno o più fattori che ci condurranno a disturbi cronici e infine alla morte (Lynn and Wilkinson, 2005). Di conseguenza, oggi molti anziani americani, ad esempio, negli ultimi anni di vita si confrontano con malattie o invalidità croniche (Lynn and Adamson, 2003), e devono essere assistiti nella loro esistenza quotidiana.
Che il finanziamento dell’assistenza a lungo termine sia diventato una questione politica di crescente importanza non è una novità. Quello che segue è solo l’ultimo di una serie di esempi, e lo riportiamo perché è collegato alla Conferenza della Casa Bianca sull’invecchiamento.

3. La mini conferenza sull’assistenza a lungo termine

Nell’aprile 2005, a Washington D.C. si è tenuto un incontro dal titolo “Stabilire una politica nazionale per l’assistenza a lungo termine”. L’iniziativa era promossa dalle seguenti organizzazioni: AARP, American Council of Life Insurers, American Health Care Association and National Center for Assisted Living, America’s Health Insurance Plans, National Alliance for Caregiving e National Association for Home Care & Hospice.
Inserito nell’ambito della Conferenza della Casa Bianca sull’invecchiamento, l’incontro aveva lo scopo di fornire alla commissione di indirizzo politico una consulenza specifica sull’assistenza a lungo termine da poter inserire nelle raccomandazioni finali destinate al Presidente e al Congresso.
Uno degli obiettivi principali della mini-conferenza consisteva nel formulare raccomandazioni in materia di finanziamento in modo da permettere agli Stati Uniti di fornire un’assistenza a lungo termine efficiente ed economicamente sostenibile. In proposito sono state fatte le seguenti tre proposte:
• Raccomandazione: Copertura di tutti gli americani per mezzo di meccanismi pubblici e privati.
Si raccomanda che il Congresso e l’Amministrazione si attivino per garantire a tutti l’assistenza a lungo termine tramite la partecipazione a programmi pubblici e privati di mutualizzazione dei rischi. In relazione al servizio pubblico, il Congresso deve stabilire un nuovo programma pubblico che fornisca a tutti gli americani i servizi di base per le malattie croniche.
In relazione al settore privato, il Congresso deve varare misure legislative volte a incoraggiare il contributo di singoli e famiglie ai servizi di assistenza a lungo termine, come incentivi fiscali per la stipulazione di assicurazioni e/o altri strumenti privati destinati al finanziamento dell’assistenza a lungo termine.
• Raccomandazione: Impiego dei finanziamenti pubblici in maniera più efficiente e intelligente.
Si raccomanda che il Congresso e l’Amministrazione migliorino l’uso che viene fatto dei finanziamenti destinati ai programmi di assistenza sanitaria e a lungo termine, sfruttando le risorse attuali per ottenere la massima efficienza e adottando le buone prassi indicate in proposito dai progetti pilota e dalle iniziative private.
• Raccomandazione: Lancio di una campagna nazionale per l’educazione all’assistenza a lungo termine.
Si raccomanda che il Congresso e l’Amministrazione sviluppino e lancino una campagna nazionale di educazione all’assistenza a lungo termine che si concentri sui rischi, i costi e le necessità in termini di prefinanziamento.
La campagna deve fondarsi su uno o più testimonial credibili in grado di destare l’attenzione della nazione per gli aspetti legati all’assistenza a lungo termine.
Inoltre, si dovrebbe istituire una Commissione congressuale o presidenziale allo scopo di affrontare i bisogni della nazione in termini di assistenza a lungo termine e proporre iniziative per riformare il relativo sistema di finanziamento.
In conclusione la mini conferenza ha stabilito che secondo l’opinione generale non può fare tutto il governo ed è necessario un approccio pubblico/privato per sviluppare e adottare politiche atte a garantire l’accesso a un’assistenza a lungo termine di qualità e a servizi di sostegno in maniera equa ed economicamente sostenibile. Si è inoltre sottolineato il fatto che non tutti i cittadini si assumono come potrebbero la responsabilità della propria salute e delle proprie necessità in termini di assistenza a lungo termine.


Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8


Tag:,